Deadpool

deadpool-poster-2

Deadpool è uno dei migliori film sui supereroi degli ultimi dieci anni. Purtroppo.

Contro ogni aspettativa, il team formato dall’esordiente Tim Miller e da Ryan Reynolds (che vantava un pessimo score come supereroe: sia Lanterna Verde che il primo Wolverine sono tra i peggiori film del genere e ce ne vuole, non a caso sono entrambi oggetto di diversi inside joke in Deadpool) ha confezionato un prodotto divertente e perfettamente in linea con lo spirito anarchico del personaggio. Non c’è molto altro da aggiungere: il genere supereroistico sta tendendo allo zero assoluto cinematografico, e con Deadpool ci si è avvicinato moltissimo, perchè Deadpool  non è un film.

Deadpool è l’anticorpo generato fisiologicamente dall’industria, guarda caso nell’anno in cui l’autoreferenzialità arriva al massimo grado e i supereroi si menano tra loro, lasciando a noi la scelta solo di tifare Superman o Batman (sempre Batman), Iron Man o Capitan America . Va bene tutto: fa molto ridere, ci sono Morena Baccarin in gran forma e Gina Carano un po’ troppo in sovrappeso e e c’è un distacco che sembra un pregio ora che tutti i supereroi devono nolan-izzarsi e diventare oscuri e pensierosi. Va anche detto che la Fox è la stessa che meno di un anno fa ha prodotto la peggiore delle derive nolaniane, il pessimo Fantastic Four: il sospetto è che le provino tutte perchè non sanno esattamente che strada prendere, e stavolta è andata talmente bene che Deadpool ha stracciato parecchi record e può candidarsi come figura centrale dell’universo Mutante in caso a Hugh Jackman cadano gli artigli di Wolverine. Buon per loro.

Tra vent’anni però Deadpool avrà bisogno di un numero di annotazioni a margine tale riempire lo schermo a ogni scena. Per cogliere tutte le battute di Deadpool bisogna essere un nerd cintura nera sia in fumetti che in cinema, altrimenti si gode a metà. Il bello è che la metà basta per essere soddisfatti.

Come l’altro film atipico sui supereroi attualmente in sala, Lo Chiamavano Jeeg Robot, Deadpool è forse un po’ fuori tempo massimo per dare un reale contributo a un cinema che sembra già tanto vecchio. Comunque fa ridere: a me basta anche così, ogni tanto.

 

 

 

 

Annunci