The Wedding Party

 

Questo film, tratto da una piece teatrale che non andrò mai a vedere, cavalca l’onda lunga generata dal successo di The Hangover, senza averne nè l’originalità nè la qualità. La recensione è QUI . In sintesi: evitatelo, non foss’altro che per il pessimo doppiaggio a base dei soliti insopportabili noti che ormai si scambiano i ruoli tra fiction, film, pubblicità e cartoni animati. Almeno in questo caso, non hanno rovinato niente. Essere tra i peggiori, quest’anno, è veramente difficile. The Wedding Party si candida per la top 5.

Grazie a filmscoop.it

Annunci